Jean Auguste Dominique Ingres e la vita artistica al tempo di Napoleone

L’esposizione comprende oltre 150 opere, di cui più di 60 dipinti e disegni del grande maestro francese, riunite grazie a prestiti internazionali da alcune delle più grandi collezioni di tutto il mondo.
Il suo percorso è singolare e sorprendente. Considerato come un inclassificabile, percepito come l’erede di Raffaello e allo stesso tempo come il precursore di Picasso, tra il maestro della bella forma e quello della non-forma, Jean Auguste Dominique Ingres è innanzitutto un “rivoluzionario”. Realista e manierista al contempo, egli affascina tanto per le sue esagerazioni espressive quanto per il suo gusto del vero.
La mostra Ingres e la vita artistica al tempo di Napoleone intende presentare al pubblico italiano l’artista che più di ogni altro si è ispirato a Raffaello e nello stesso tempo vuole restituire alla vita artistica degli anni a cavallo del 1800 la sua carica di novità e, per così dire, la sua “giovinezza conquistatrice”. Con una particolare attenzione a Milano, che in quella riorganizzazione politica e artistica ebbe un ruolo fondamentale. In una stagione di grande prosperità, la città fu fortemente rimodellata nei suoi monumenti, nei suoi spazi verdi e nelle infrastrutture urbane, a partire dalla nuova Pinacoteca di Brera. Anche gli artisti italiani furono coinvolti nell’ondata di lavori e di cantieri che ne seguì. Appiani nella pittura e Canova nella scultura si avvalsero ampiamente di questa “politica delle arti”, ascrivibile all’arte del governare di Napoleone Bonaparte. Ma non fu da meno l’iniziativa privata di nuovi protagonisti, estranei al mecenatismo aristocratico: primo fra tutti Giovanni Battista Sommariva, definito da Francis Haskell “il mecenate indubbiamente più importante dopo l’imperatore e la sua famiglia”.

Prenotazione: consigliata per singoli, obbligatoria per gruppi.

Data Inizio: 12 marzo 2019
Data Fine: 23 giugno 2019
Costo del biglietto: 16,00 € ; Riduzioni: 14,00 €; scolaresche 6,00 €
Prenotazione: Facoltativa
Luogo: Milano, Palazzo Reale
Orario: lunedì: 14.30–19.30; martedì, mercoledì, venerdì e domenica: 9.30-19.30; giovedì e sabato: 9.30-22.30 la biglietteria chiude un'ora prima
Telefono: +39 02 8846 5230
E-mail: c.mostre@comune.milano.it

Notizie

Riccardo Chailly celebra il bicentenario della Nona di Beethoven

Leonardo e la Sala delle Asse tra natura, arte e scienza

MITO Settembre Musica

Giornata internazionale della diversità culturale per il dialogo e lo sviluppo