Amoenissimis … aedificiis. Lo scavo di piazza Marconi a Cremona. Vol. 2 – l materiali

Mercoledì 27 giugno alle ore 17,00 a Palazzo Litta, sede del Segretariato Regionale per la Lombardia del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, sarà presentato il secondo dei due volumi dedicati agli scavi di piazza Marconi a Cremona “Amoenissimis … aedificiis. Lo scavo di piazza Marconi a Cremona. Vol. 2 – I materiali”, a cura di Lynn Arslan Pitcher con Ermanno A. Arslan, Paul Blockley e Marina Volonté.

Ne conversa, alla presenza degli autori, Luisa Brecciaroli Taborelli, archeologa.

La completa e analitica presentazione dei materiali rinvenuti nel corso degli scavi, costituisce l’argomento del II volume dedicato alle indagini archeologiche condotte a piazza Marconi, che segue il precedente ad un anno di distanza e ne costituisce la fondamentale parte integrante.

Il lavoro ha coinvolto più di quaranta specialisti che hanno preso in esame i reperti restituiti dai contesti più antichi della piazza, dalla fase coloniale tardo repubblicana (seconda metà del II sec. a. C.), con i due netti tagli temporali rappresentati dalla ristrutturazione della città nel 40-20 a.C. e la sua distruzione nel 69 d.C. e il successivo orizzonte medio-tardo imperiale, all’età tardoantica-
altomedievale (VI d.C.).

La quantità e la qualità dei materiali scoperti, senza confronto rispetto a quanto restituito in precedenza da Cremona, ha imposto per alcune classi della cultura materiale, in particolare per quelle di uso corrente, una selezione dei contesti particolarmente significativi.

L’impresa è stata impegnativa e ha permesso l’inedita ricostruzione storica del ruolo svolto da Cremona dal momento della sua fondazione, del vivere al suo interno, anche in relazione al progressivo diffondersi di manufatti e usanze alimentari diverse da quelle del substrato celtico locale, delle attività commerciali e produttive documentate, dei flussi commerciali che interessarono la città individuando apporti anche da regioni che non avevano sinora fornito testimonianze. Altri contributi analizzano il gusto e lo stile di vita dei proprietari dei prestigiosi complessi residenziali sorti nell’insula, odi quest’ultimi esaminano particolari aspetti degli apparati decorativi e delle tecniche edilizie di costruzione.

Il testo riserva un ampio spazio alle analisi chimiche e minero-petrografiche quali sopporto e strumento di verifica delle ipotesi circa l’aspetto produttivo e le aree di approvvigionamento dei reperti ceramici e vitrei; particolare attenzione è riservata inoltre allo studio dei materiali lignei, botanici, archeozoologici e lapidei.

Data Inizio: 27 giugno 2018
Data Fine: 27 giugno 2018
Costo del biglietto: Ingresso libero fino ad esaurimento posti
Prenotazione: Nessuna
Luogo: Milano, Palazzo Arese-Litta
Orario: 17.00
Telefono: +39 02 80294217
E-mail: giorgia.biasini@beniculturali.it

Notizie

Riccardo Chailly celebra il bicentenario della Nona di Beethoven

Leonardo e la Sala delle Asse tra natura, arte e scienza

MITO Settembre Musica

Giornata internazionale della diversità culturale per il dialogo e lo sviluppo